Citta' di Santhia' - Provincia di Vercelli - Piemonte

sabato 24 ottobre 2020

Navigazione del sito

Percorso di navigazione

Ti Trovi in:   Home » In evidenza » EMERGENZA CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI "ZONA ROSSA"

Stampa Stampa

NEWS ED EVENTI

EMERGENZA CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI "ZONA ROSSA"


EMERGENZA CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI "ZONA ROSSA"



Modello autocertificazione (26 marzo 2020) SCARICABILE QUI

AGGIORNAMENTO di mercoledì 22 Aprile aprile 2020
AGGIORNAMENTO EMERGENZA SANITARIA..SONO 44 ATTUALMENTE I NOSTRI CONCITTADINI ANCORA POSITIVI AL COVID-19, 12 NEGATIVIZZATI E QUINDI GUARITI E PURTROPPO 6 DECEDUTI

Oggi pomeriggio al lavoro sul portale dell'Unita' di Crisi della Regione Piemonte riservato ai sindaci per verificare il numero dei positivi al Covid-19: sono attualmente 44 i Santhiatesi ancora positivi al coronavirus. Come prassi, nei prossimi giorni li contatterò personalmente uno ad uno. Insieme con ASL Vercelli, anche in base alle recenti direttive, stiamo intensificando la verifica sui nostri concittadini contagiati e anche per i familiari. In stretto contatto quindi con Ufficio igiene di Vercelli, da settimane sentiamo le persone che hanno contratto il virus e i familiari (quindi i contatti diretti) per sincerarsi delle condizioni di salute. Lo stiamo facendo ormai da alcune settimana e fino alla fine dell'Emergenza Sanitaria anche per stare vicino in tutti i modi possibili a queste persone. Resta naturalmente valida per tutti loro la raccomandazione di sentire immediatamente i medici di famiglia in caso la situazione dovesse evolvere.
I Santhiatesi attualmente positivi sono 44, i Santhiatesi positivi deceduti sono 6. La notizia di speranza è che 12 Santhiatesi si sono negativizzati, quindi guariti.


AGGIORNAMENTO di martedì 21 Aprile aprile 2020

Da oggi Martedì 21 Aprile 2020 i fioristi possono riaprire. Dalla Regione Piemonte si annuncia annuncia che i fioristi possono riprendere la loro attivita' se pure ovviamente rispettando le norme sanitarie in vigore. Maggiori info sul sito della Regione Piemonte : www.regionepiemonte.it
--------------------------

Chiusure 25 aprile e 1 maggio Dpgr 47/2020 
Il Dpgr 47/2020 della Regione Piemonte dispone la chiusura degli esercizi commerciali per l'intera giornata del 25 aprile e per l'intera giornata del 1 maggio. In entrambe le date resteranno aperte le farmacie, le parafarmacie e gli esercizi di vendita esclusiva di prodotti sanitari.

La stessa apertura sarà consentita anche alle edicole, alle aree di servizio sulle reti autostradali e ai distributori carburante sulla rete stradale e autostradale. Le tabaccherie, invece, dovranno osservare la chiusura.


AGGIORNAMENTO di giovedì 16 aprile 2020 - 20.30

Tamponi diagnostici per CISAS da lunedì 20 aprile

Verranno svolti Lunedì 20 aprile i tamponi diagnostici COVID – 19 sui 38 dipendenti del Consorzio socio assistenziale Cisas. Anche in questo caso, come per la Casa di Soggiorno Anziani, ringraziamo, per la sensibilità dimostrata, il  Commissario Straordinario Covid-19 ASL Vercelli, dott. Pietro Presti, che ha accolto la richiesta di effettuare tamponi avanzata dal  Sindaco e Presidente del Cisas insieme con il Direttore del Consorzio e al Consiglio di Amministrazione del Cisas.

L’intervento è necessario per garantire sicurezza al personale in prima battuta, ma anche a tutti gli utenti dei servizi del C.I.S.A.S.  che si occupa di Assistenza Domiciliare, Educativa Territoriale, Segretariato Sociale, Servizio Sociale Professionale, fornitura pasti a domicilio e fornitura spesa a domicilio. Il  C.I.S.A.S. ha continuato ad erogare i servizi diretti anche a utenza con possibili problematiche sanitarie da contagio. Sono state messe in atto fin da subito tutte le procedure per evitare il contagio, compreso l’uso di dispositivi,  grazie anche alla fornitura di mascherine effettuata dal Comune.

 

Sono arrivati intanto i dati definitivi relativi ai 93 tamponi eseguiti martedì 14 aprile presso la CSA. Di questi 93 tamponi, 38 sono relativi al personale e 55 agli ospiti. Dei 38 tamponi fatti sul personale, 32 sono risultati negativi e 6 positivi; mentre dei 55 tamponi effettuati sugli ospiti, 31 sono risultati negativi e 24 positivi al Covid-19. La Direttrice della CSA, che ringraziamo per il rigore adottato fin da subito nelle procedure di lavoro, ha confermato che nessuna delle persone positive ha sintomi o situazioni di rilievo. Questo ci rassicura e conferma anche il fatto che è stato importante richiedere con fermezza alla Regione e all’Asl Vercelli di fare i tamponi al più presto proprio per poter gestire e soprattutto monitorare la situazione. Il personale e gli ospiti che risultano positivi a Covid-19 vengono infatti posti in isolamento e questo in CSA  è facilitato dalla struttura che è articolata in due piani distinti. Rimangono attive le video chiamate tra ospiti e famigliari che sono di grande conforto in questo periodo.

AGGIORNAMENTO di giovedì 16 aprile 2020 - 14

Tamponi diagnostici per CISAS e Casa di Soggiorno Anziani Santhià: esiti su CSA

Stanno continuando ad arrivare in queste ore gli esiti relativi ai tamponi eseguiti martedì 14 aprile su ospiti e operatori della Casa di Soggiorno Anziani.
I dati non sono ancora completi, in quanto su 93 tamponi effettuati, ad oggi, 16 aprile alle ore13, sono giunti 86 esiti.

Di questi 86, 31 sono relativi al personale e 55 agli ospiti.

Come già detto, non c’è un modo diverso per dare questa informazione, se non i numeri che ci sono stati comunicati: dei 31 tamponi fatti sul personale, 26 sono risultati negativi e 5 positivi, mentre dei 55 tamponi effettuati sugli ospiti, 31 sono risultati negativi e 24 positivi al Covid-19.

Questo il dato a oggi, 16 aprile alle 13.

Ci saranno aggiornamenti costanti, man mano che riceviamo le segnalazioni. 

Informazioni dirette si possono avere contattando la Direzione della CSA.

Questa mattina ho sentito la Direttrice della CSA che mi ha confermato che nessuna delle persone positive ha sintomi o situazioni di rilievo. Questo ci rassicura e conferma anche il fatto che è stato importante richiedere con fermezza alla Regione e all’Asl Vercelli di fare i tamponi al più presto proprio per poter gestire e soprattutto monitorare la situazione.

Il personale e gli ospiti che risultano positivi a Covid-19 vengono infatti posti in isolamento e questo in CSA  è facilitato dalla struttura che è articolata in due piani distinti.

Rimangono attive le video chiamate tra ospiti e famigliari che sono di grande conforto in questo periodo. Restano ovviamente sospese le visite che sono state bloccate fin dal 4 marzo,  quando in via precauzionale la Direzione della CSA, in accordo con l'amministrazione comunale, decise di mettere fin da subito in sicurezza la struttura.

In CSA, la gestione è garantita  e continua nel rispetto del protocollo comportamentale, messo in atto da metà del mese di febbraio, che prevede per esempio in struttura sempre lo stesso personale, evitando che operino in strutture diverse per limitare eventuali possibili contagi.

La Cooperativa ANTEO, grazie anche alla fornitura effettuata dal Comune, ha garantito inoltre i necessari dispositivi al personale in servizio. Grazie a questi interventi e al rigore applicato dalla Direzione della CSA, non mi stanco di dirlo, fin da subito e cioè dalle prime avvisaglie di contagio, la situazione è sotto controllo e per questo ringraziamo la professionalità di Direttrice  e Operatori Anteo a cui auguriamo buon lavoro.

Un pensiero affettuoso va sempre agli ospiti della CSA che sono nel nostro cuore, con la speranza che nessuno si aggravi. (Angelo Cappuccio, Sindaco)


AGGIORNAMENTO di mercoledì 15 aprile 2020 - 20.45

I PRIMI ESITI DEI TAMPONI EFFETTUATI IERI IN CASA DI RIPOSO.
Stanno arrivando in queste ore i primi esiti relativi ai tamponi eseguiti ieri su ospiti e operatori della Casa di Soggiorno Anziani.
I dati sono decisamente parziali, quindi bisogna considerarli per quelli che sono, ma è importante comunicarli. Su 90 tamponi eseguiti infatti ci sono al momento solo 19 esiti; di questi 19, 12 sono relativi al personale e 7 agli ospiti.
Non c’è un modo diverso per dare questa informazione, se non i numeri che ci sono stati comunicati: dei 12 tamponi fatti sul personale 11 sono risultati negativi e uno solo positivo, mentre 6 ospiti sono risultati positivi al Covid-19.
Questo il dato a oggi, 15 aprile alle 20.
Ci saranno aggiornamenti costanti, man mano che si ricevono le segnalazioni. Personale e ospiti che risultano positivi a Covid-19 vengono posti in isolamento. Informazioni dirette si possono avere contattando la Direzione della CSA.

Mi auguro che il numero dei positivi non aumenti e mi preme sottolineare che presso la CSA sono state attivate fin da subito dalla Direzione tutte le procedure per garantire la sicurezza di personale e ospiti: dal 4 marzo le visite ai parenti sono state sospese.
Ogni volta che un ospite ne fa richiesta vengono effettuate video chiamate con i familiari.
Da subito la Cooperativa ANTEO, grazie anche alla fornitura effettuata dal Comune, ha garantito i necessari dispositivi al personale in servizio, ha verificato costantemente il rispetto del protocollo comportamentale, ha trattenuto nella struttura sempre lo stesso personale, evitando che operasse in strutture diverse per limitare eventuali possibili contagi.

Lo scorso mercoledì 8 aprile in veste di Sindaco di Santhià e presidente del Cisas, in accordo con l’amministrazione comunale e la Direzione della Casa di Soggiorno Anziani di Santhià, ho fermamente chiesto al Presidente della Regione Piemonte, al Direttore Generale ASL VC, al Commissario Straordinario Emergenza COVID-19, al Responsabile Servizio Igiene Pubblica dell’ASL VC che venissero realizzati i tamponi diagnostici anche in CSA oltre che al Cisas. Non per una situazione di criticità, ma poter monitorare e gestire in sicurezza le strutture di Cisas e CSA.
Il Commissario Straordinario Covid-19 ASL Vercelli, dott. Pietro Presti, ha accolto con celerità la richiesta avanzata e giovedì 9 aprile avevamo già la certezza che i tamponi sarebbero stati eseguiti appena dopo Pasqua, infatti ieri si è proceduto con i rilievi.

La situazione in CSA è monitorata con grande attenzione e rigore dalla Direzione, che ringraziamo e fin da subito, si ribadisce, gli ospiti hanno avuto contatti settimanali con i parenti solo telefonicamente.

Inoltre in CSA sono stati distribuiti dal Comune fin da subito i dispositivi, così come le mascherine FFP2 e KN95 sia agli Operatori della Casa di Riposo che agli Operatori del Consorzio CISAS Santhià.

Confidiamo ora che i tamponi, che ribadisco riteniamo siano un indispensabile strumento di monitoraggio in questa situazione, diano un esito che non delinei situazioni di elevata criticità. (Angelo Cappuccio, Sindaco)

-----------------------------------------


Sanificazione (14 aprile) nelle zone maggiormente frequentate e anche vicoli e centro abitato. 

Anche ieri con una ditta esterna è stato effettuata la sanificazione dei luoghi della città maggiormente frequentati come Municipio, Duomo, Presidio Sanitario, Ufficio Postale, Farmacie, Casa di Riposo, Stazione Ferroviaria.
La procedura viene svolta nel rispetto delle indicazioni arrivate nei giorni scorsi dall'Istituto Superiore di Sanità, da Regione Piemonte e dalla direzione Arpa Piemonte, quindi con prodotti igienizzanti senza ipoclorito di sodio.
Al lavoro per sanificare vicoli e marciapiedi anche con la mini-spazzatrice comunale e con il personale della squadra Ufficio tecnico e manutenzione esterna. Altri interventi sono previsti a cadenza settimanale fino al termine dell'Emergenza Sanitaria Covid-19.
E’ in esame anche la possibilità di interventi più ampi anche grazie alla disponibilità giunta in queste ore dal Corpo Nazionale dei WFF (per noi il Lavoro sarebbe effettuato dai Volontari della Caserma dei wff di Santhià).

Si ricorda sempre la massima attenzione negli spostamenti che sono riservati, come previsto dal Decreto, solo per Lavoro, Salute e Necessità.


Questa sera info aggiornate, e ovviamente certificate, sulla situazione dei casi positivi in città e sui tamponi effettuati ieri presso la Casa di Riposo ad ospiti e personale.


AGGIORNAMENTO di lunedì 13 aprile 2020

Decreto Presidente della Giunta Regionale n. 43 - 13 aprile 2020

Firmata l’ordinanza n. 43 che proroga fino al 3 maggio le misure attualmente in vigore per il contenimento del Coronavirus. 
Pertanto restano chiuse anche le librerie, le cartolibrerie e i negozi di abbigliamento per l’infanzia; resta salva, però, la possibilità di vendita con consegna a domicilio per tutte le diverse categorie merceologiche.


AGGIORNAMENTO di sabato11 aprile 2020
E' disponibile qui (e in allegato) il Decreto per Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 aprile che contiene la proroga delle chiusure e delle regole già in vigore fino a 3 maggio.  


AGGIORNAMENTO di venerdì 10 aprile 2020

Mascherine riutilizzabili e lavabili consegnate casa per casa. Nel fine settimana, dal 10 al 12 aprile, i Volontari della Protezione Civile e gli Alpini di Santhià distribuiranno GRATUITAMENTE altre 8000 Mascherine (7000 mascherine erano già state distribuite la scorsa settimana casa per casa e nei luoghi di maggiore frequentazione).
Anche questa volta la distribuzione avverrà casa per casa: 2 mascherine in ogni buca delle lettere.
Queste 8000 mascherine sono lavabili e riutilizzabili e sono prodotte dall'azienda santhiatese San Carlo Salotti (4000 mascherina) e dalla Stamperia Alicese (4000 mascherine) di Alice Castello. Con un piccolo contributo concordato, la città quindi avrà a disposizione mascherine lavabili di alta qualità. 
#IORESTOACASA #VENIAMONOIDAVOI 

----------------------------------

Esercizi commerciali chiusi dalle ore 13 di Pasqua e a Pasquetta
Nell’ ordinanza
firmata la sera di giovedì 9 aprile (Decreto n. 41 disponibile sul sito della Regione e sul sito del Comune www.comune.santhia.vc.it) il Presidente della Regione stabilisce la chiusura di tutti gli esercizi commerciali dalle ore 13 di domenica 12 aprile fino alla mezzanotte di lunedì 13 aprile 2020.
Sono esclusi da tale provvedimento farmacie, parafarmacie e di tutti gli esercizi dedicati alla vendita esclusiva di prodotti sanitari che rispetteranno i propri orari di apertura. Sono consentite le consegne a domicilio per tutti i settori merceologici, da eseguire nel rispetto delle regole di sicurezza.
In tutto il fine settimana i controlli a cura delle Forze dell’ordine saranno intensificati anche in città.
In particolare, lo saranno il giorno di Pasquetta (Lunedì 13 aprile) essendo anche tutte chiuse le attività commerciali, come indicato nel decreto.
Si sottolinea davvero con il cuore la necessità assoluta di rimanere a casa in questi giorni di festa per non vanificare l’impegno e il rispetto delle regole finora messe in atto per contenere l’epidemia. E’ un sacrifico per tutti, ma è l’unico modo per poter uscire da questa situazione. (Decreto n.41 in allegato in fondo lla pagina)
#iorestoacasa #nonescoapasquetta 

#rispettoleregole #insiemecelafaremo


AGGIORNAMENTO di giovedì 9 aprile 2020

Il  Commissario Straordinario Covid-19 ASL Vercelli, dott Pietro Presti, ha accolto con celerità la richiesta avanzata ieri dal Sindaco e Presidente del Cisas, Cappuccio , affinché venissero eseguiti i tamponi diagnostici COVID- 19 presso la Casa di riposo di Santhià e sui dipendenti del Consorzio CISAS Santhià. I tamponi saranno effettuati da martedì 14 aprile 2020.

Si sottolinea che al momento non ci sono emergenze, ma un monitoraggio accurato permetterebbe di tenere sotto controllo la situazione e garantire una gestione tempestiva e sicura se dovessero sorgere eventuali criticità.

La richiesta era stata inviata al Presidente della Regione Piemonte On. Alberto Cirio, al Direttore Generale ASL Vercelli, dott.ssa Chiara Serpieri, al Commissario Straordinario Emergenza COVID-19, al Responsabile Servizio Igiene Pubblica dell’ASL di Vercelli.
Nella giornata di oggi sono state consegnate 100 mascherine KN95 sia agli Operatori della Casa di Riposo che agli Operatori del Consorzio CISAS Santhià.


AGGIORNAMENTO di mercoledì 8 aprile 2020
Obbligo mascherine per chi vende.
Si ricorda che da oggi è in vigore l’obbligo di indossare mascherine e guanti per tutti gli addetti alla vendita, mentre ai clienti viene raccomandato di utilizzare la mascherina o qualsiasi altro indumento a copertura di naso e bocca. La misura è inserita nel Decreto n.39 emanato dalla Regione Piemonte nell'integrazione alle misure per il contenimento del Coronavirus.
Si veda anche il Decreto della Regione D.P.G.R. 7 aprile 2020 n.40 "Modifica al punto 14 del Decreto n. 39 del 6 Aprile" (disponibile anche in allegato)


AGGIORNAMENTO di martedì 7 aprile 2020

In allegato, i Decreti n. 38 e 39 della Regione Piemonte.

Il provvedimento 38 istituisce la possibilità, per i gestori dei trasporti pubblici non di linea, di effettuare la consegna a domicilio di beni, spesa e medicinali. 

Il provvedimento 39 sostituisce integralmente l'Ordinanza n. 36 ed avrà durata fino al 13 Aprile.


AGGIORNAMENTO di lunedì 6 aprile 2020

Il portale dell 'Unita' di Crisi della Regione Piemonte, riservato ai sindaci, indica che  i santhiatesi positivi sono attualmente 25 di cui 4 deceduti, mentre la maggior parte fortunatamente a casa (14 persone), in ospedale 7 persone. La notizia che da speranza è che 5 si sono negativizzati, quindi guariti.

Insieme con ASL Vercelli, anche in base alle recenti direttive, si sta intensificando la verifica sui nostri concittadini contagiati e anche per i familiari. In stretto contatto quindi con Ufficio igiene di Vercelli vengono sentite le persone che hanno contratto il virus e i familiari (quindi i contatti diretti) per sincerarsi delle condizioni di salute. La procedura sarà attuata ogni settimana e fino alla fine dell'Emergenza Sanitaria anche per stare vicino in tutti i modi possibili a queste persone. Resta naturalmente valida per tutti la raccomandazione di sentire immediatamente i medici di famiglia in caso la situazione dovesse evolvere.


AGGIORNAMENTO di giovedì 2 aprile 2020
In allegato (in fondo alla pagina) il Nuovo Decreto del Presidente del 1 aprile 

Proroga fino al 13 aprile. Il Nuovo Decreto del Presidente del 1 aprile conferma le chiusure come in vigore fino al 3 aprile e le proroga fino al 13 aprile, perché “Allentare le misure  ora renderebbe vani i nostri sforzi fin qui fatti”.
Allenamenti vietati. Il decreto vieta le sedute (collettive) di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, all’interno degli impianti sportivi di ogni tipo.

Spostamenti sempre con autocertificazione e distanza di un metro. È vietato spostarsi in un Comune diverso da quello in cui ci si trova se non per «comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza, o motivi di salute».
Si può uscire per fare la spesa, andare in farmacia, acquistare altri prodotti di prima necessità (anche in un altro Comune se nel proprio non è possibile e comunque giustificando il motivo). Si può uscire per andare all’edicola e comprare i giornali.
Si può uscire per portare a spasso il cane ma rimanendo «in prossimità della propria abitazione». I bambini possono uscire con uno dei due genitori rimanendo «in prossimità della propria abitazione» se, per esempio, uno dei genitori deve andare a fare la spesa. Non è permesso, come Conte ha detto esplicitamente, «andare a spasso».
Rimangono in vigore le indicazioni del governo per quanto riguarda i mezzi.
In moto si può andare, ma da soli;
In auto bisogna tenere il metro di distanza (dunque un passeggero oltre al guidatore, nel sedile posteriore);
L’uso della bicicletta è consentito per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che vendono generi alimentari o di prima necessità. È inoltre consentito utilizzare la bicicletta per svolgere attività sportiva o motoria all’aperto, ma sempre nella prossimità di casa propria

 

------------------------------

LINK UTILI
------------------------------
Archivio Aggiornamenti

QUI trovate gli avvisi "Aggiornamenti" pubblicati su questo sito dal 8 marzo al 2 aprile 2020 (con DPCM allegati e autocertificazioni in allegato)

QUI trovate gli avvisi "Aggiornamenti" pubblicati su questo sito dal 29 febbraio all' 8 marzo 2020 (con DPCM allegati e autocertificazioni in allegato)

------------------------------




Documenti allegati:
Decreto Regione n 38 - 6 aprile 2020Decreto Regione n 38 - 6 aprile 2020 (190,11 KB)

Decreto Regione n 39 - 6 aprile 2020Decreto Regione n 39 - 6 aprile 2020 (464,11 KB)

Chiarimenti della RegioneChiarimenti della Regione (140,07 KB)

Decreto Regione n 40 - 7 aprile 2020Decreto Regione n 40 - 7 aprile 2020 (122,23 KB)

Decreto Regione n 41 - 9 aprile 2020Decreto Regione n 41 - 9 aprile 2020 (58,4 KB)

DPCM 11aprile 2020DPCM 11aprile 2020 (305,5 KB)

Decreto Regione n 43 - 13 aprile 2020Decreto Regione n 43 - 13 aprile 2020 (482,87 KB)

Decreto Regione n 47 e chiarimentiDecreto Regione n 47 e chiarimenti (167,9 KB)







Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Santhià, Piazza Roma, 16
13048 Santhià (VC) - Telefono: 0161/936.111 Fax: 0161/936.231,
Fax per urgenze: 0161/936.233 da utilizzare per comunicazioni urgenti nei giorni festivi e dalle ore 12,30 del venerdì alle ore 09,00 del lunedì successivo.

C.F. 00325950020 - P.Iva: 00325950020
E-mail: segreteria@comune.santhia.vc.it   E-mail certificata: protocollo@pec.comune.santhia.vc.it