Citta' di Santhia' - Provincia di Vercelli - Piemonte

domenica 17 gennaio 2021

Navigazione del sito

Percorso di navigazione

Ti Trovi in:   Home » In evidenza » EMERGENZA CORONAVIRUS: (clicca qui)

Stampa Stampa

NEWS ED EVENTI

EMERGENZA CORONAVIRUS: (clicca qui)



---------------------------------------------

INFO PERIODO NATALIZIO e FINE ANNO

 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 18 dicembre 2020 


MARTEDÌ 5 - MERCOLEDÌ 6 GENNAIO 2021 TORNA LA ZONA ROSSA

MERCATO SETTIMANALE SANTHIÀ DEL 5 GENNAIO SOLO BANCHI CON LICENZA GENERI ALIMENTARI

Zona rossa nei prefestivi e festivi

Il calendario di regole prevede che il 5 e 6 gennaio saranno in vigore le restrizioni finora previste per la zona rossa.
Ciò significa che non ci si potrà spostare dalla propria abitazione se non per motivi di lavoro, salute o necessità comprovati con autocertificazione.
Chiusi Negozi.
Chiusi Centri Estetici.
Chiusi Bar e Ristoranti
concesso asporto dalle 5 alle 22 e consegna a domicilio sempre.
Aperti Supermercati
Aperti Parrucchieri
Aperte le Farmacie

Mercato settimanale a Santhià Martedì 5 Gennaio solo licenze generi alimentar

L’attività motoria sarà consentita solo vicino casa (a Santhià anche in strade isolate).
L'attività Sportiva individuale nel proprio Comune, concesso sconfinamento (corsa e bici) solo se si parte e arriva dal luogo di partenza.

Chiese aperte per le funzioni religiose.
Cimitero Santhià Aperto.
Biblioteca Santhià Chiusa.
Parchi e Giardini Pubblici Santhià Aperti.

Dalle 22 alle 5 del mattino scatta il coprifuoco.

DEROGA ;
La deroga: 2 amici/parenti come ospiti – Nei giorni “rossi” Deroga che permetterà di spostarsi per visitare amici e parenti all’interno della propria Regione.
Dal 24 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 lo spostamento verso le abitazioni private è consentito in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, verso un’abitazione ubicata nella medesima regione e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle lì già conviventi”
Sarà consentito ospitare a casa massimo due persone, a cui si potranno aggiungere eventuali minori di 14 anni, disabili e persone non autosufficienti (che non rientrano nel computo). Nessun limite al grado di parentela: di fatto si potranno invitare a tavola anche due amici, sempre a patto di mantenere le distanze e rispettare tutte le regole di sicurezza.



DECRETO NATALE - DAL 31 DICEMBRE 2020 AL 3 GENNAIO 2021 TORNA LA ZONA ROSSA - ATTENZIONE POST INFORMATIVO

Zona rossa nei prefestivi e festivi

Il calendario di regole prevede che il 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio saranno in vigore le restrizioni finora previste per la zona rossa.

Ciò significa che non ci si potrà spostare dalla propria abitazione se non per motivi di lavoro, salute o necessità comprovati con autocertificazione.

Chiusi negozi, centri estetici, bar e ristoranti, mentre restano aperti i supermercati, i parrucchieri, le farmacie.

L’attività motoria sarà consentita solo vicino casa.
Chiese aperte per le funzioni religiose solo fino alle 22

Dalle 22 alle 5 del mattino scatta il coprifuoco. Il 31 dicembre dalle 22 alle 7.

DEROGA


La deroga: 2 amici/parenti come ospiti – Nei giorni “rossi” Deroga che permetterà di spostarsi per visitare amici e parenti all’interno della propria Regione.
Per il pranzo di Capodanno.
Durante i giorni festivi e prefestivi compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 lo spostamento verso le abitazioni private è consentito in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, verso un’abitazione ubicata nella medesima regione e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle lì già conviventi”
Sarà consentito ospitare a casa massimo due persone, a cui si potranno aggiungere eventuali minori di 14 anni, disabili e persone non autosufficienti (che non rientrano nel computo). Nessun limite al grado di parentela: di fatto si potranno invitare a tavola anche due amici, sempre a patto di mantenere le distanze e rispettare tutte le regole di sicurezza.Per richieste.

BUONE PRATICHE :
 Utilizzo della mascherina.
 Divieto di assembramenti.
 Distanziamento sociale.



DECRETO LEGGE NATALE - INFO DEROGA SPOSTAMENTI VERSO UNA SOLA ABITAZIONE PRIVATA PER INCONTRARE PARENTI O AMICI :

Durante i giorni compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 e' altresi' consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata, ubicata nella medesima regione, una sola volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 05,00 e le ore 22,00, e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle ivi gia' conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potesta' genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

RACCOMANDAZIONI PER CHI DECIDE DI SPOSTARSI IN DEROGA RISPETTO AL DECRETO LEGGE NATALE

Raccomandazioni che è bene seguire per il Cenone, il Veglione e ovviamente anche per il pranzo di Natale e quello di Capodanno.
Indossare le mascherine se ci si trova in casa con non conviventi togliendola solo quando si mangia.
È necessario poi rispettare il distanziamento sociale sia quando non si sta a tavola, sia durante i pasti.
Si consiglia poi di aerare più volte gli ambienti.
Di igienizzarsi spesso le mani.
Di lavarsi frequentemente le mani.
Sconsigliati i buffet
Evitare che ci sia l’utilizzo delle stesse posate da parte degli ospiti.
Lo stesso vale per piatti e bicchieri che devono essere esclusivi per ogni ospite.
Utile anche separare i tavoli tra bambini ed anziani.
L'uso di mascherine, igiene delle mani e misure di distanziamento hanno già dimostrato benefici.
 
DECRETO NATALE - QUALCHE INFO SUL NUOVO DECRETO LEGGE NATALE - ATTENZIONE POST INFORMATIVO

Zona rossa nei prefestivi e festivi
 Il calendario di regole prevede che il 24, 25, 26, 27, 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio saranno in vigore le restrizioni finora previste per la zona rossa.
 Ciò significa che non ci si potrà spostare dalla propria abitazione se non per motivi di lavoro, salute o necessità comprovati con autocertificazione.
 Chiusi negozi, centri estetici, bar e ristoranti, mentre restano aperti i supermercati, i parrucchieri, le farmacie.
 L’attività motoria sarà consentita solo vicino casa.
 Chiese aperte per le funzioni religiose solo fino alle 22
 Dalle 22 alle 5 del mattino scatta il coprifuoco.
 DEROGA ;
 La deroga: 2 amici/parenti come ospiti – Nei giorni “rossi” Deroga che permetterà di spostarsi per visitare amici e parenti all’interno della propria Regione.
 Per il pranzo di Natale e Capodanno.
Durante i giorni festivi e prefestivi compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 lo spostamento verso le abitazioni private è consentito in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, verso un’abitazione ubicata nella medesima regione e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle lì già conviventi”
 Sarà consentito ospitare a casa massimo due persone, a cui si potranno aggiungere eventuali minori di 14 anni, disabili e persone non autosufficienti (che non rientrano nel computo). Nessun limite al grado di parentela: di fatto si potranno invitare a tavola anche due amici, sempre a patto di mantenere le distanze e rispettare tutte le regole di sicurezza.
 ZONA ARANCIONE
Zona arancione nei lavorativi – Il 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio l’Italia sarà invece in zona arancione.
 Di conseguenza ci si potrà spostare liberamente solo dentro al proprio Comune, mentre per andare in un altro comune o in un’altra Regione servirà l’autocertificazione attestante comprovati motivi di necessità, salute o lavoro.
 CHIUSI ;
Bar e Ristoranti
 NEGOZI ;
I negozi saranno aperti fino alle 21.
 COPRIFUOCO ;
Il coprifuoco resta fissato dalle 22 alle 5
 LE DEROGHE
I piccoli Comuni durante i giorni “Arancioni” sarà consentita la mobilità a chi vive in un paese con meno di 5mila abitanti. Ma ci sono dei limiti: ci si potrà spostare solo entro 30 chilometri e non per raggiungere i capoluoghi di provincia. Per gli abitanti dei Comuni superiori ai 5 Milà abitanti ci si potrà spostare solo all'interno del proprio Comune o per far visita a parenti ed amici presso abitazioni private della stessa Regione rispettando il numero nel limite di 2 persone oltre i conviventi.

LE REGOLE CHE NON CAMBIANO SONO:
Il nuovo Decreto Legge lascia in vigore tutte le norme previste dal precedente decreto legge numero 158 all’articolo 1, comma 2:
Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome.
Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre consentito.
È invece vietato andare nelle seconde case ubicate in altra Regione e, il 25, 26 dicembre e 1 gennaio, anche in altro comune.





AGGIORNAMENTO 12 dicembre 2020

DA DOMENICA 13 DICEMBRE 2020 - PIEMONTE IN ZONA GIALLA - POST INFORMATIVO :

Da Domenica 13 Dicembre il Piemonte passerà dalla Zona Arancione alla Zona Gialla (la conferma e la firma del Ministro della Salute è attesa in queste ore).

Ecco che cosa cambia nella zona gialla da domenica prossima rispetto alla situazione attuale arancione.

In zona gialla sono aperti ristoranti, pizzerie, pasticcerie e altre attività di ristorazione

È consentito il consumo di cibi e bevande al loro interno

In quest'area, i ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti con possibilità di consumo all'interno dalle 5 alle 18.

Dalle 5 alle 22 è consentita anche la vendita da asporto.

La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

È consentito entrare o restare all’interno di bar, ristoranti e degli altri locali adibiti alla ristorazione (pub, gelaterie, pasticcerie), se è sospeso il consumo di cibi al loro interno.

Nelle aree o negli orari in cui è sospeso il consumo di cibi e bevande all’interno dei locali, l’ingresso e la permanenza negli stessi da parte dei clienti sono consentiti esclusivamente per il tempo strettamente necessario ad acquistare i prodotti per asporto e sempre nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio.

Non sono comunque consentiti gli assembramenti né il consumo in prossimità dei locali.

 

Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili.

Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Le attività commerciali al dettaglio si svolgono comunque a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni. Inoltre, le attività aperte devono rispettare i protocolli o le linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio. Fra queste vi è il mantenimento, in tutte le attività, del distanziamento interpersonale e la pulizia e l’igiene ambientale almeno due volte al giorno e in funzione dell’orario di apertura, nonché la garanzia di adeguata aereazione naturale e ricambio d'aria.

 

Le funzioni religiose con la partecipazione di persone si possono svolgere, purché nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo con le rispettive confessioni.

 

Lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica e a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento.

 

Per lo svolgimento degli eventi e delle competizioni in ambito sportivo si consiglia di consultare l’apposita sezione sul sito del Dipartimento per lo sport.

Sono in ogni caso vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto di carattere amatoriale.

 

Il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura (di cui all'articolo 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio) è sospeso.

 

Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP.

È consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, dell’area gialla, per svolgere esclusivamente all'aperto l’attività sportiva di base, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l'uso di spogliatoi interni a detti circoli.

Gli sport di contatto, definiti nell’apposito decreto del Ministro dello sport sono sospesi.

Sono inoltre vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto di carattere amatoriale.

Tuttavia, è consentito svolgere all’aperto e a livello individuale i relativi allenamenti e le attività individuate con il suddetto decreto del ministro dello sport del 13 ottobre 2020, nonché gli allenamenti per sport di squadra, che potranno svolgersi in forma individuale, all’aperto e nel rispetto del distanziamento.

 

SPOSTAMENTI

Nell’area gialla è consentito spostarsi dalle 5 alle 22 senza necessità di motivare lo spostamento.

Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.

Dalle 5 alle 22 non è necessario motivare i propri spostamenti.

Dalle 22 alle 5, si deve essere sempre in grado di dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti, anche mediante autodichiarazione che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e locali.

La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi e l’accertata falsità di quanto dichiarato costituisce reato.

La giustificazione del motivo di lavoro può essere comprovata anche esibendo adeguata documentazione fornita dal datore di lavoro (tesserini o simili) idonea a dimostrare la condizione dichiarata.

Posso fare la spesa in un comune diverso da quello in cui abito?

Sì, purché entrambi i Comuni si trovino nell’area gialla.

Si può uscire per acquistare beni diversi da quelli alimentari?

Sì, non sono previste limitazioni alle categorie di prodotti acquistabili.

È possibile raggiungere la seconda casa?

Sì, se sia la prima che la seconda casa si trovano entrambe in un comune dell’area gialla.

Se la seconda casa si trova in un comune dell’area arancione o di quella rossa, è consentito solo se dovuto alla necessità di porre rimedio a situazioni sopravvenute e imprevedibili (quali crolli, rottura di impianti idraulici e simili, effrazioni, ecc.) e comunque secondo tempistiche e modalità strettamente funzionali a sopperire a tali situazioni.

Si può uscire per fare una passeggiata?

Sì, dalle 5 alle 22.

È consentito fare attività motoria?

Sì, dalle 5 alle 22.




AGGIORNAMENTO 5 dicembre 2020





DPCM - FESTIVITÀ NATALIZIE (post informativo)

 

SPOSTAMENTI

Dal 21 dicembre al 6 gennaio 2021 sono vietati gli spostamenti tra Regioni, ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Il 25 e il 26 dicembre e il 1° gennaio 2021 sono vietati anche gli spostamenti tra Comuni diversi, con le stesse eccezioni (comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute). È sempre possibile, anche dal 21 dicembre al 6 gennaio, rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione.

SECONDE CASE

Dal 21 dicembre al 6 gennaio è vietato spostarsi nelle seconde case che si trovino in una Regione o Provincia autonoma diversa dalla propria. Il 25 e 26 dicembre e il 1° gennaio il divieto vale anche per le seconde case situate in un Comune diverso dal proprio.

RICONGIUNGIMENTI FAMILIARI  

Blocco degli spostamenti tra Regioni nelle festività

RISTORANTI

Sarà possibile andare a pranzo fuori a Natale, il 26 dicembre, a Capodanno e il giorno dell’Epifania.

Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Prima di Natale tutta l’Italia diventerà zona gialla, quindi ristoranti e bar potranno essere aperti fino alle 18. Divieto di cenoni in hotel il 31 dicembre.

IMPIANTI SCIISTICI

Gli impianti di risalita restano chiusi per il rischio assembramenti. Si potrà tornare a sciare dal 7 gennaio.

QUARANTENA  

Quarantena per chi torna dall’estero. La misura, che dovrebbe essere valida dal 20 dicembre, è pensata soprattutto per chi intenda andare a sciare in Svizzera - che ha tenuto le piste aperte - o in Paesi dell'Unione europea, come Slovenia e Austria, con quest'ultimo paese che ha annunciato di aprire le piste solo ai residenti.

COPRIFUOCO

Non si può circolare dopo le 22 e fino alle 5 del mattino successivo se non per motivi di necessità, lavoro o salute. Il limite vale anche per Natale e Santo Stefano.

SANTA MESSA DELLA VIGILIA DI NATALE

Considerato che il coprifuoco alle 22 si applica anche il giorno della vigilia, la messa dovrà iniziare a un orario che consenta di rispettare la prescrizione, e che quindi garantisca il rientro a casa entro le 22.

CAPODANNO

Dalle 22.00 del 31 dicembre 2020 alle ore 7.00 del 1° gennaio 2021 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

VEGLIONE DI FINE ANNO

Veglione di fine anno in camera per chi deciderà di passare il 31 notte in albergo. Resta infatti consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati; dalle ore 18.00 del 31 dicembre 2020 e fino alle ore 7.00 del 1° gennaio 2020, la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive è consentita solo con servizio in camera.

NEGOZI

Fino al 6 gennaio 2021 l’esercizio delle attività commerciali al dettaglio è consentito fino alle ore 21.00 nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali, aggregazioni di esercizi commerciali ed altre strutture assimilabili, a eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole.

CROCIERE

A decorrere dal 21 dicembre 2020 e fino al 6 gennaio 2021 sono sospesi i servizi di crociera da parte delle navi passeggeri di bandiera italiana, aventi come luoghi di partenza, di scalo ovvero di destinazione finale porti italiani. È altresì vietato dal 20 dicembre 2020 e fino al 6 gennaio 2021 alle società di gestione, agli armatori ed ai comandanti delle navi passeggeri di bandiera estera impiegate in servizi di crociera di fare ingresso nei porti italiani, anche ai fini della sosta inoperosa.

SCUOLA

Ritorno in classe per gli studenti delle superiori a partire dal 7 gennaio in una percentuale del 75%. Gli studenti di elementari e medie saranno in presenza al 100%.

CONCORSI

Continua a essere sospeso lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all'esercizio delle professioni. Sono esclusi i casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari o in modalità telematica, e sono esclusi i concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale, compresi, ove richiesti, gli esami di Stato e di abilitazione all'esercizio della professione di medico chirurgo e di quelli per il personale della protezione civile. Resta ferma la possibilità per le commissioni di procedere alla correzione delle prove scritte con collegamento da remoto.

BIBLIOTECHE

Se rimangono sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, si prevede un’eccezione per le biblioteche dove i servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi, fermo restando il rispetto delle misure di contenimento dell'emergenza epidemiologica.

 

BUONE PRATICHE

Distanziamento sociale

Utilizzo della mascherina

Distanziamento sociale




AGGIORNAMENTO 29 novembre 2020

DAl 29 novembre 2020:
 
SPOSTAMENTI
Dalle 5 alle 22 è consentito spostarsi esclusivamente all’interno del proprio Comune senza necessità di motivare lo spostamento.
No autocertificazione.

Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.
Sì autocertificazione.
Sono vietati, 24 ore su 24, gli spostamenti verso altri Comuni e verso altre Regioni, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di studio o di salute o per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio Comune (per esempio andare all’ufficio postale o a fare la spesa, se non ci sono tali uffici o punti vendita nel proprio Comune).

Sono consentiti gli spostamenti verso qualsiasi area che siano strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza, quando prevista.
È sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
È possibile, solo in caso di estrema necessità, spostarsi per accompagnare i propri figli dai nonni o per andarli a riprendere all'inizio o al termine della giornata di lavoro.

È possibile portare i propri figli dai nonni ma fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio.

ABITAZIONI PRIVATE
Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.
È consigliato lavorare a distanza, ove possibile, o prendere ferie o congedi.

ATTIVITÀ MOTORIA
Sempre dalle 5 alle 22 è consentito fare una passeggiata o attività motoria.

È possibile utilizzare la bicicletta per tutti gli spostamenti consentiti, mantenendo la distanza di almeno un metro dalle altre persone.
Mascherina obbligatoria.
È consentito svolgere passeggiate e attività motoria all'aperto dalle 5 alle 22 su tutto il territorio Comunale, sempre nel rispetto del distanziamento di almeno un metro.
È obbligatorio indossare la mascherina nel centro abitato, è obbligatorio averla con sé nei luoghi isolati.
È consentito svolgere attività sportiva dalle 5 alle 22 rimanendo nel proprio Comune di residenza (corsa o bicicletta), nel qual caso il distanziamento deve essere di 2 metri.
Non è obbligatorio indossare la mascherina, è obbligatorio averla con sé.

BAR E RISTORANTI
I ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto dalle 5 alle 22
Per la consegna a domicilio senza limiti di orario.
Non sono comunque consentiti gli assembramenti né il consumo in prossimità dei locali.

ATTIVITÀ COMMERCIALI
Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili.
Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabaccai ed edicole.

SCUOLE
Si effettuano le lezioni in presenza nelle scuole dell’infanzia, materne e nella prima classe delle medie.

Per la seconda e terza media e le superiori è confermata la didattica a distanza, ad eccezione delle attività di laboratorio e di quelle per l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Nelle Università le attività formative e curriculari si svolgono a distanza, fatta eccezione per quelle del primo anno dei corsi di studio e dei laboratori, che possono svolgersi in presenza.

CHIUSI:
Mostre e musei. Sono sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura.
Teatri, cinema, piscine, palestre, sale scommesse, bingo, slot machine (anche nelle tabaccherie).

ULTERIORI DETTAGLI:

SCUOLE
  • Scuole Materne - Aperte
  • Scuole Elementari - Aperte
  • Scuole Medie - Aperte solo le classi prime.
  • Scuole Medie -Chiuse le seconde e terze classi.
  • Scuole Superiori - Chiuse
DUOMO SANTHIÀ
Domenica 29 novembre: No Santa Messa ore 9.30 Chiesa di San Grato di Santhià.
Da lunedì 30 novembre a Venerdì 4 dicembre sono sospese tutte le celebrazioni feriali nel Duomo di Santhià
Sono regolarmente celebrati solo i funerali, all'orario convenuto.

Ufficio Postale - Aperto
Dal Lunedì al Venerdì dalle 8.30 alle 13.35.
Sabato dalle 8.20 alle 12.35

Cimitero - Aperto

Biblioteca - Chiusa

Casette dell'Acqua Piazza Moro e Foro Boario - Ripristinate le gettoniere - Aperte

Parchi e Giardini Pubblici - Aperti

Mercato Settimanale Martedì - Aperto sia generi alimentari che banchi merceologici

Presidio Sanitario - Aperto :
  • Pre - Triage all'ingresso
  • Aperto per visite con priorità U e B
  • Sospese tutte le altre con priorità P e D
  • Mammografia su Appuntamento
  • Vengono effettuati vaccini ai bimbi e vaccini antinfluenzali agli anziani e fasce a rischio su appuntamenti
  • Esami sangue prenotazione al numero verde 800000500
  • RX prenotazione al Cup o numero verde
  • Gessi sospeso a Santhia

------------------------------------------
Municipio - Accesso solo su Prenotazione
Info o appuntamenti :
Ufficio Stato Civile
Tel. 0161/936.209
Fax: 0161/936231
E-mail: statocivile@comune.santhia.vc.it
PEC: protocollo@pec.comune.santhia.vc.it

Ufficio Ragioneria
Tel. 0161/936214
Fax: 0161/931329
E-mail: ragioneria@comune.santhia.vc.it

Ufficio Segreteria
Tel. 0161/936211
Fax: 0161/921066
E-mail: segreteria@comune.santhia.vc.it

Ufficio Polizia Locale
Tel. 0161-936222
Fax: 0161/936233
E-mail: poliziamunicipale@comune.santhia.vc.it
PEC: polizialocale@pec.comune.santhia.vc.it

Ufficio Tributi
Tel. 0161/936227
Fax: 0161/931329
E-mail: tributi@comune.santhia.vc.it

Ufficio Tecnico Manutentivo
Tel. 0161/936219
Fax: 0161/936231
E-mail: manutenzione@comune.santhia.vc.it

Ufficio Tecnico Urbanistico
Tel. 0161/936216 - 0161/936228
Fax: 0161/931329
E-mail:edilizia@comune.santhia.vc.it; segreteria.urbanistica@comune.santhia.vc.it

Ufficio Istruzione, Cultura, Turismo
Tel. 0161/936207
Fax: 0161/931329
E-mail: scuola@comune.santhia.vc.it

Ufficio Tecnico Lavori Pubblici
Tel. 0161/936218
E-mail: lavoripubblici@comune.santhia.vc.it

Ufficio Commercio
Tel. 0161/936202
Fax: 0161/921066
E-mail: commercio@comune.santhia.vc.it

Ufficio Sport
Tel. 0161/936239
E-mail: sport@comune.santhia.vc.it

Ufficio Personale
Tel. 0161/936223
Fax: 0161 936231 - 921066
E-mail: personale@comune.santhia.vc.it

Segretario Generale
Tel. 0161/936111
Fax: 0161.921066

BUONE PRATICHE
  • Indossare sempre la mascherina
  • Divieto di assembramento
  • Distanziamento sociale


Altre informazioni su http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?gclid=EAIaIQobChMIm5zG7Zih7QIVyuR3Ch200Qw6EAAYASAAEgJhhPD_BwE#zone



AGGIORNAMENTO 4 e 5 novembre 2020

REGIONE PIEMONTE IN ZONA ROSSA LIVELLO 4 :

Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre 2020

Autocertificazione

NUOVO DPCM IN VIGORE DA VENERDÌ 6 NOVEMBRE 2020

COPRIFUOCO DALLE 22 ALLE 5 DEL MATTINO SUCCESSIVO
 
 
 SPOSTAMENTI
Vietato lo spostamento in entrata e uscita dalla Regione, nonche’ all’interno della stessa salvo per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessita’, ovvero per motivi di salute.
 TRASPORTO PUBBLICO LOCALE
Consentito al 50% dei posti disponibili, eccezion fatta per scuolabus.
 ATTIVITÀ COMMERCIALI
Sono sospese le attivita’ commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attivita’ di vendita di generi alimentari e di prima necessita’.
 MERCATO SETTIMANALE
Il Mercato Settimanale sarà effettuato solo con vendita di generi alimentari.
 ATTIVITÀ APERTE
Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie (il resto delle attività concesse può essere trovato in allegato n 23 del DPCM - commercio al dettaglio)
 BAR - RISTORANTI
Sono sospese le attivita’ dei servizi di bar e ristorazione, resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, la ristorazione con asporto fino alle 22, con divieto di consumazione sul posto e nelle adiacenze;
 ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE
Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio lungo le autostrade
 ATTIVITÀ MOTORIA
E’ consentito svolgere individualmente attivita’ motoria in prossimita’ della propria abitazione purche’ nel rispetto della distanza di almeno 1 m da ogni altra persona con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine)
 ATTIVITÀ SPORTIVA
E’ consentito lo svolgimento di attivita’ sportiva (corsa) esclusivamente all’aperto e in forma individuale
 SCUOLA
Svolgimento in presenza della Scuola dell’infanzia, della Scuola primaria e del primo anno di frequenza della Scuola secondaria di primo grado con obbligo di utilizzo di mascherine; le rimanenti attivita’ scolastiche si svolgono esclusivamente con modalita’ a distanza
 ATTIVITÀ INERENTI AL SERVIZIO ALLE PERSONE
Sono sospese le attivita’ inerenti al servizio alla persona ad eccezione di : lavanderia e pulitura di articoli tessili e pellicce – attivita’ delle lavanderie industriali – altre lavanderie, tintorie – servizi di pompe funebri e attivita’ connesse – servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere
 LUOGHI DI CULTO
L’accesso ai luoghi di culto avviene secondo le disposizioni gia’ in atto dai protocolli tra Ministero e CEI (chiese)
 CIMITERO SANTHIÀ
Il Cimitero è Aperto
 


AGGIORNAMENTO 3 novembre 2020 (ore 20)

 

RICHIESTA URGENTE DI UN COMMISSARIO STRAORDINARIO ASL VERCELLI PER COVID -19:

Domani sarà inviata una lettera al Presidente della Regione Piemonte per chiedere di ripristinare urgentemente un Commissario Straordinario per l' Emergenza Sanitaria covid - 19. Già nella prima ondata della pandemia questa figura era stata un eccellente punto di riferimento per tutto il Territorio, in grado di gestire e risolvere molteplici problematiche di rilievo.

AGGIORNAMENTO COVID-19 SANTHIÀ :

La situazione in città al momento è molto più difficile rispetto ad un paio di settimane fa, seppur in linea con gli altri Comuni d'Italia. I positivi a Santhià continuano gradualmente ad aumentare.

Non ci sono focolai, le due classi scolastiche Santhiatesi in quarantena preventiva fino a ieri sono rientrate a Scuola.

Come Amministrazione Comunale abbiamo allestito di fronte al Presidio Sanitario un'area specifica con gazebo che potrebbe essere usato per un "pit stop drive In" per effettuare tamponi. Siamo ancora in attesa di indicazioni da parte dell'ASL Vercelli.

Favorevoli novità sui "tamponi rapidi" che da Lunedì 2 Novembre vengono usati in Casa di Riposo per Ospiti ed Operatori. I tamponi in Casa di Riposo oramai per prassi vengono effettuati ogni 15 giorni. Gli ultimi fatti, tutti negativi.

 

Dall'inizio dell'emergenza sanitaria nella nostra città sono stati effettuati 1290 tamponi di controllo.

I Santhiatesi che hanno contratto il virus dall'inizio della pandemia sono stati 107, purtroppo nove, sempre dall'inizio della pandemia, sono deceduti.

Attualmente i nostri concittadini positivi al coronavirus sono 43, l'aumento di questi nuovi giorni è legato soprattutto alla convivenza con familiari già positivi, ci sono alcune famiglie con 4/6 positivi. Come da abitudine consolidata il Sindaco li contatta al telefono. Al momento per alcuni di loro si tratta per fortuna solo sintomi lievi, quattro sono invece ricoverati in ospedale per opportuni ricoveri ed accertamenti. A tutti loro vanno i migliori auguri di pronta guarigione.




AGGIORNAMENTO 26 ottobre 2020

NUOVO DPCM IN VIGORE DA LUNEDÌ 26 OTTOBRE FINO A MARTEDÌ 24 NOVEMBRE 2020:


ll Presidente del Consiglio ha firmato il DPCM che entra in vigore Lunedì 26 Ottobre 2020, fino a Martedì 24 Novembre. Rimane fissata alle 18 la chiusura dei locali pubblici. La domenica e i giorni festivi bar e ristoranti potranno dunque rimanere aperti (ovviamente sempre fino alle 18) :

?? LA SCUOLA

L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza. Per contrastare la diffusione del contagio, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari almeno al 75 per cento delle attività, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l'eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l'ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9.

?? BUS E METROPOLITANE

È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

?? SPOSTAMENTO LIBERO TRA LE REGIONI

Gli spostamenti sono liberi tra le Regioni. La raccomandazione sugli spostamenti rimane generica, è stato eliminato il riferimento ai movimenti fuori dal Comune e dunque è sempre consentito anche lo spostamento tra Regioni. Nel Dpcm è scritto: «È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi».

?? PALESTRE E PISCINE 

Le attività sono sospese per Palestre, Piscine, Centri Natatori, Centri Benessere, Centri Termali, fatta eccezione per quelli con presidio sanitario obbligatorio o che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento.

?? GIOCHI, CINEMA, TEATRI

Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò; Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto.

?? NEGOZI

Le attività commerciali al dettaglio si svolgono a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni; le suddette attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio.

?? BAR E RISTORANTI

Le attività dei servizi di ristorazione (tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5 fino alle 18; il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi; dopo le ore 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati; resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 24 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

AGGIORNAMENTO di  21 ottobre 2020


?? IN PIEMONTE IN VIGORE DA LUNEDÌ 26 OTTOBRE DIDATTICA A DISTANZA AL 50% ALLE SUPERIORI PER LE CLASSI DALLE SECONDE ALLE QUINTE
?? CHIUSURA DEI CENTRI COMMERCIALI NEL FINE SETTIMANA
??AGGIORNAMENTO COVID-19 SANTHIÀ

Ieri sera (martedì 20 ottobre) il Presidente della Regione Piemonte ho firmato due nuove ordinanze per intensificare le misure di contenimento della pandemia al termine di una lunga giornata di confronto con le Prefetture, i sindaci, i presidenti di Provincia, il mondo della scuola e le organizzazioni di categoria

?? SCUOLE
Da lunedì 26 ottobre le Scuole Secondarie di Secondo Grado (Statali e Paritarie) dovranno alternare la didattica digitale a quella in presenza, per una quota non inferiore al 50%, in tutte le classi del ciclo, ad eccezione delle prime.
Le lezioni nelle scuole dell’infanzia, elementari, medie inferiori si svolgeranno invece sempre in presenza poiché si tratta di una forma educativa fondamentale e irrinunciabile. Anche per chi frequenta il primo anno delle superiori verrà consentito di continuare ad apprendere con continuità il nuovo metodo di studio e di sviluppare il senso di appartenenza al gruppo tra compagni e con gli insegnanti.
Se dovesse essere necessario proseguire anche più avanti nell’anno con questa modalità verrà valutata una attenzione analoga anche per i ragazzi che si avvicinano alla maturità.
Le scuole, nella loro autonomia, individueranno le misure che riterranno più idonee per l’organizzazione della didattica a distanza, tenuto conto dell’organico e del contesto organizzativo interno.

?? CENTRI COMMERCIALI:
A partire già da questo weekend è prevista la chiusura dei centri commerciali il sabato e la domenica, ad esclusione degli esercizi di vendita di generi alimentari, farmacie e studi medici, locali di ristorazione e tabaccherie.
L’ordinanza conferma inoltre la chiusura notturna, dalla mezzanotte alle 5, di tutte le attività commerciali al dettaglio (ad eccezione delle farmacie) e il divieto di vendita di alcolici dopo le ore 21 in tutte le attività commerciali (anche attraverso apparecchi automatici), escluso il servizio di consumazione al tavolo negli esercizi di ristorazione.

?? Entrambe le ordinanze sono valide fino al 13 novembre.

?? AGGIORNAMENTO COVID-19 SANTHIÀ:
?? Sono attualmente 14 i nostri concittadini positivi al coronavirus.



AGGIORNAMENTO di  19 ottobre 2020


Riepilogo:

? ASSEMBRAMENTI
?? I sindaci potranno disporre «la chiusura al pubblico, dopo le ore 21.00, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private».
? BAR E RISTORANTI
?? Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 24,00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo; resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze dopo le ore 21.
? PALESTRE E PISCINE
?? Palestre e Piscine rimangono aperte ma hanno una settimana di tempo per adeguare i protocolli.
? SPORT DA CONTATTO
?? L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni. Sono sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale. Calcetto, basket e gli altri sport da contatto sono ora vietati a livello amatoriale e con il nuovo decreto la misura riguarderà anche le associazioni e le società dilettantistiche, comprese dunque le scuole per bambini e ragazzi. Negli ultimi giorni c’è stato il tentativo in alcuni circoli di iscriversi a enti dilettantistici affiliati al Coni per aggirare le restrizioni. E dunque si è deciso di imporre una stretta per tutti.
? SMART WORKING
?? La decisione è presa: il 75% dei lavoratori dovrà rimanere in smart working. Una misura che mira a limitare i contatti all’interno degli uffici, ma anche a ridurre le presenze sui mezzi pubblici. Si tratta di un provvedimento che riguarda i dipendenti pubblici, ma potrà essere adottato anche nel settore privato con accordi mirati. Il Cts ha espresso parere favorevole e anche i governatori hanno espresso il proprio consenso.
? SCUOLA
?? L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza. Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, che rimane complementare alla didattica in presenza, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9.00.
? FIERE E SAGRE
?? Allo scopo di garantire la proporzionalità e l'adeguatezza delle misure adottate è promosso lo svolgimento periodico delle riunioni di coordinamento regionale e locale. Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale ed i congressi, previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico, e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni ed alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro. Sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza.

?? AGGIORNAMENTO COVID-19 SANTHIÀ ;
?? Sono 13 i Santhiatesi attualmente positivi al coronavirus.



AGGIORNAMENTO di  13 ottobre 2020
 
 Disponibile il DPCM del 13 ottobre: QUI e in allegato




________LINK UTILI

________Archivio Aggiornamenti

QUI trovate gli avvisi "Aggiornamenti" pubblicati su questo sito dal 3 giugno 2020 al 12 ottobre 2020 (con DPCM allegati e autocertificazioni in allegato)

QUI trovate gli avvisi "Aggiornamenti" pubblicati su questo sito dal 26 aprile 2020 al 2 giugno 2020 (con DPCM allegati e autocertificazioni in allegato)

QUI trovate gli avvisi "Aggiornamenti" pubblicati su questo sito dal 2 al 26 aprile 2020 (con DPCM allegati e autocertificazioni in allegato)


QUI trovate gli avvisi "Aggiornamenti" pubblicati su questo sito dal 8 marzo al 2 aprile 2020 (con DPCM allegati e autocertificazioni in allegato)

QUI trovate gli avvisi "Aggiornamenti" pubblicati su questo sito dal 29 febbraio all' 8 marzo 2020 (con DPCM allegati e autocertificazioni in allegato)

-----------------------------


Documenti allegati:
Dpcm di 12/13ottobre 2020Dpcm di 12/13ottobre 2020 (1,62 MB)







Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Santhià, Piazza Roma, 16
13048 Santhià (VC) - Telefono: 0161/936.111 Fax: 0161/936.231,
Fax per urgenze: 0161/936.233 da utilizzare per comunicazioni urgenti nei giorni festivi e dalle ore 12,30 del venerdì alle ore 09,00 del lunedì successivo.

C.F. 00325950020 - P.Iva: 00325950020
E-mail: segreteria@comune.santhia.vc.it   E-mail certificata: protocollo@pec.comune.santhia.vc.it